Oiv diffonde i dati sulla produzione mondiale 2017: la vendemmia più scarsa in oltre 50 anni

conferenza_stampa_0iv_2017
△OIV总干事:让·马赫·奥郎德

Siamo ai minimi storici per la produzione di vino 2017, una vendemmia che ha reso talmente poco da toccare i numeri esigui della fine degli anni Cinquanta-inizio anni Sessanta. La conferma arriva anche dall’OIV, Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, che ha diffuso i numeri della vendemmia nei principali paesi del mondo in una conferenza stampa tenuta dal direttore generale Jean-Marie Aurand.

246,7 milioni di ettolitri prodotti nel 2017, con un calo dell’8 % rispetto all’anno scorso. La cifra è soggetta a una leggera fluttuazione, dovuta ai dati non ancora completi della vendemmia, ma i 22,1 milioni di ettolitri in meno stimati danno l’idea dell’entità del calo. A risentirne in maniera consistente i paesi europei, a causa delle gelate che hanno bruciato i germogli ad aprile e dell’ondata di caldo ha poi costretto tanti produttori a una vendemmia anticipata.

La diminuzione della produzione a livello mondiale è dovuta soprattutto ai cali che hanno interessato Italia, Francia e Spagna, i primi tre paesi in ordine di quantità di uve prodotte. Con 39,3 milioni di hl, -23% rispetto al 2016, Italia nel 2017 si conferma ancora il primo produttore mondiale, seguita dalla Francia (36,7 milioni di hl, -19% rispetto al 2016) e dalla Spagna (33,5 milioni di hl, -15% rispetto al 2016).

Tale flessione si ripropone anche nei principali paesi dell’UE come Germania e Grecia; in Europa gli unici a non aver registrato cali sono Portogallo, Romania, Ungheria e Austria.

Gli Stati Uniti, con una stima di 23,3 milioni di hl vinificati (-1% rispetto al 2016), dovranno fare i conti delle eventuali conseguenze degli incendi avvenuti di recente (ottobre 2017) in California.

Contrariamente all’andamento mondiale, invece, si sono registrati aumenti di produzione nei paesi del Nuovo Mondo, come in Australia (13,9 milioni hl, pari a un aumento del 6% rispetto al 2016), in Argentina, che riporta una crescita della produzione del 25% dopo la scarsa vendemmia 2016, in Brasile, dove si passa dall’1,4 milioni di hl del 2016 ai 3,4 milioni del 2017.

Di seguito i numeri della produzione di vini 2017 nei principali paesi produttori

dati_vendemmia_OIV_2017

Fonte: OIV